Salice Terme di Godiasco (PV) tre scosse di terremoto e tanta paura fra la popolazione

Questa mattina la zona a Sud di Pavia è stata interessata da tre eventi sismici in sequenza. Il primo di M 3.1 è stato registrato alle ore 11:34 LT con ipocentro molto superificiale di soli 4,5 Km di profondità. Alle ore 11:36 LT la seconda scossa più forte di M 3.8 a 5,4 Km di profondità ed infine una scossa più piccola di M 2.5 e profondità ipocentrale di Km 10 è stata registrata alle ore 11:40 LT.
La zona interessata dagli eventi sismici è una zona considerata a basso rischio di pericolosità sismica e in effetti storicamente sono molto pochi i terremoti che si sono manifestati. Negli ultimi 6 anni sono solo 44 i terremoti registrati in un raggio di 20 Km dal centro di Godiasco e solo 25 se restringiamo il raggio a 10 Km.
Nella storia meno recente, agli inzi del 1800, fu regisrtata una importante scossa di M 5.8 il 9 ottobre del 1928 che risulta ancora oggi essere la più forte. Il fatto che la zona sia considerata a basso rischio non significa che non possa essere soggetta a forti terremoti anche perché il calcolo del rischio è bassato sulla storicità dei terremoti e purtroppo prima del 1800 i dati in possesso sono relativamente pochi e perciò non esiste certezza su quanto accaduto prima di tale data. È altresì vero che la zona interessata dai terremoti odierni ha dei tempi di ritorno molto lunghi a difefrenza di altre zone dove forti terremoti si sono ripetuti più volte nell'arco di un secolo.

Riteniamo opportuno segnalare i due terremoti registrati alcuni chilometri più a sud (Vedi foto 2) il 19 e 27 ottobre scorso rispettivamente di M 3.4 e M 3.1 oltre al terremoto di M 3.7 del 29 febbraio 2012. In questo contesto potremmo segnalare anche il terremoto di M 3.1 registrato lo scorso 14 novembre al confine fra Liguria e Piemonte ancora più a Sud rispetto agli ultimi 3 terremoti descritti. L'intera zona si trova al limite nord della Catena Appenninica al confine con la Catena Alpina e al margine Sud-Ovest della Pianura Padana già soggetta ad importante sterss sismico con le scosse emiliane del 2012 e la sequenza di Fivizzano in alta Toscana.
I tre terremoti di oggi sono stati percepiti distintamente dalla popolazione, anche in considerazione alla superficialità degli eventi, e la paura è stata tanta. Alcune scuole sono state evacuate a scopo precauzionale ma non si registrano danni. La lista dei terremoti con le  carte e i dettagli epicentrali sono consultabili sul sito Tellus Project.

Nelle successive immagini: Foto 1) L'epicentro del terremoto odierno; Foto 2) I terremoti di M ≥3.0 degli ultimi 6 anni; Foto 3) Tutti i terremoti degli ultimi 6 anni; Foto 4) La scossa odierna animata; Foto 5) Il sismogramma del terremoto odierno di M 3.8






Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FONDAZIONE PERMANENTE G. GIULIANI ONLUS • Codice Fiscale 93049850667
info@fondazionegiuliani.it
Copyright © 2013 • All Rights Reserved